Quello che più mi preme in questo momento storico
è opporre RESISTENZA a questa cultura mediatica e capitalistica a cui ci vogliono assuefare!
LEGALIZZIAMO LA LIBERTA'!!! CIELI LIBERI! TERRA LIBERA! MARE LIBERO! COSI SIA!! COSI' E'!
#ORA UP! QUESTA E' UNA CHIARA SPERANZA!

QUESTO BLOG VUOLE ESSERE UN ATTO DI RESISTENZA ARTISTICA A QUESTA GUERRA SILENZIOSA FATTA DI INFORMAZIONI FAKE CHE CREANO REALTA' FAKE

LA VERITA' PRIMA DI OGNI ALTRA COSA IN QUESTO REGNO

"L'essere umano è un sistema di informazione e di conseguenza può essere guarito attraverso informazioni"
Erich Körbler

mercoledì 14 settembre 2016

Gli Stati Uniti finanziano i cosiddetti media “indipendenti”

Haring_-_Picture_2-500x287Gli Stati Uniti finanziano i cosiddetti media “indipendenti”
Mentre i grandi media occidentali accusano la Russia di finanziare segretamente i media non allineati alla vulgata atlantista, non parlano mai del finanziamento statunitense ai media stranieri allineati alla vulgata atlantista. Il governo degli Stati Uniti finanza di nascosto le cosiddette organizzazioni non governative (ONG), che a loro volta sovvenzionano i media filo-occidentali; si tratta di ciò che il circo mediatico e disinformativo occidentale definisce “media indipendenti” presenti nel mondo non-occidentale. Dal 2007 il governo statunitense finanziò per 25,5 milioni di dollari le varie organizzazioni no-profit statunitensi e “media indipendenti” in Ucraina. Su 18 borse di studio, 14 vennero assegnate all’Internews Network, una ONG atlantista legata a Washington. Tra i finanziatori di Internews Network vi sono:
Rockefeller Brothers Fund
Rockefeller Family & Associates
John D Rockefeller Foundation. and Catherine T. MacArthur Foundation
John S. and James L. Knight Foundation
Google
Open Society Foundations (George Soros)
Omidyar Network
Commissione Europea
Ministeri degli Esteri e Agenzie di sviluppo internazionali di Paesi Bassi, Norvegia, Svezia, Regno Unito e Stati Uniti
Banca mondiale
Freedom House
National Democratic Institute (NDI)
National Endowment for Democracy (NED)
Freedom House e National Endowment for Democracy (NED) sono collegati alla CIA, “Freedom House e National Endowment for Democracy sottolineano il loro impegno per la libertà di pensiero e la democrazia, ma hanno collaborato con le operazioni di propaganda della CIA negli anni ’80, secondo i documenti pubblicati dalla Biblioteca Presidenziale Ronald Reagan“. Il NED ha più volte  collegato gli “attivisti” nei Paesi ostili agli USA. Sul suo sito web, la NED sostiene che dalla seconda guerra mondiale, “i responsabili politici degli Stati Uniti inviarono consulenti, attrezzature e fondi per sostenere giornali e partiti nell’Europa in pericolo. Quando fu rivelato, alla fine degli anni ’60, che alcune ONG statunitensi erano finanziate dalla CIA per condurre la guerra ideologica internazionale, l’amministrazione Johnson concluse che tale finanziamento doveva cessare raccomandando l’istituzione di un “meccanismo pubblico-privato” per finanziare apertamente tali attività all’estero“. Così nacque il NED, ente che si descrive non-governativo anche se è “finanziato dal Congresso degli Stati Uniti… e distribuisce fondi a organizzazioni private per promuovere la democrazia all’estero“, magari anche organizzando colpi di Stato, dal Guatemala nel 1954 all’Ucraina nel 2014.
Nel 1977 "S'indagava sul ruolo della CIA nella propaganda mondiale, come nel caso di Radio Free Asia".
Nel 1977 “S’indagava sul ruolo della CIA nella propaganda mondiale, come nel caso di Radio Free Asia”.
Articolo del Santa Cruz Sentinel del 22 settembre 1981 su un'operazione di disinformazione della CIA.
Articolo del Santa Cruz Sentinel del 22 settembre 1981 su un’operazione di disinformazione della CIA.
Il Centro assistenza ai media internazionali (Center for International Media Assistance – CIMA), è un piano del National Endowment for Democracy, per sviluppare una sua rete mediatica nel mondo. La prima parte del piano si chiama Finanziamenti pubblici e privati degli USA dedicati allo sviluppo di media indipendenti all’estero. L’obiettivo è “sapere chi sono i principali finanziatori, in quale campo si concentrano (assistenza diretta ai media, formazione di giornalisti, campagne d’informazione pubblica, migliorare l’ambiente giuridico dei media, gestione dei media) e le opportunità di educare i potenziali beneficiari sull’importanza di sviluppare media indipendenti quale elemento essenziale delle società democratiche”. Alcune conclusioni della relazione furono:
Nel 2006, i finanziamenti pubblici e privati degli Stati Uniti per lo sviluppo dei media internazionali superò i 142 milioni di dollari:
– finanziamenti dal governo degli Stati Uniti furono pari a 69 milioni;
– da ONG sovvenzionate dal governo, National Endowment for Democracy e US Institute of Peace, 13 milioni.
dall’Agenzia statunitense per lo Sviluppo Internazionale (USAID) e dall’Ufficio per la Democrazia, Diritti umani e Lavoro del dipartimento di Stato degli USA, rispettivamente 49,7 e 11,8 milioni di dollari nel 2006.
Il principale finanziatore privato fu l’Open Society Institute con 40 milioni di dollari, seguita dal John S. e James L. Knight con 7 milioni.
L’USAID ha un ruolo fondamentale nel finanziamento dei media “indipendenti”, in particolare nell’ex-Unione Sovietica: “Grazie agli sforzi per trasformare i media statali in media indipendenti negli Stati post-sovietici, il ramo per Europa ed Eurasia dell’USAID è l’unico a  disporre di un esperto sullo sviluppo dei media“. Se sono finanziati dal governo statunitense, come possono essere considerati indipendenti tali media? I media finanziati dalla Russia sono controllati dallo Stato, mentre quelli finanziati dagli Stati Uniti sono “indipendenti”…
Nel 2010, la relazione del CIMA affermava, “Negli ultimi cinque anni, il dipartimento di Stato e l’USAID statunitensi hanno speso più di mezzo miliardo di dollari per sostenere lo sviluppo dei media internazionali… I bilanci di dipartimento di Stato e USAID per l’anno fiscale 2010 ammontano a oltre 47,9 miliardi di dollari. Meno dello 0,3 per cento di tale importo, 140,7 milioni di dollari, sono stati spesi per lo sviluppo dei media. Ciò rappresenta un aumento del 36 per cento, o 37,3 milioni dollari, rispetto all’anno precedente della spesa per sviluppare i media e un aumento ancor più drammatico rispetto ai 68,9 milioni spesi cinque anni prima“.us-gov-spending-media-abroadGli Stati Uniti finanziano direttamente media russi, nel 2011-2012 l’USAID consegnò 2,54 milioni di dollari nell’ambito del programma “Stampa indipendente in Russia“, i cui principali beneficiari furono le organizzazioni FNE e Finformpolicy Dvl Foundation. Per la Russia furono spesi 4,6 milioni di dollari per diversi programmi di “accesso alle informazioni” tra cui 74730 dollari “per continuare lo sviluppo del giornalismo investigativo ambientale” e 80000 per un’organizzazione che “monitorerà l’uso della tortura da parte delle forze dell’ordine sulla base di notizie della stampa, offrendo consultazioni nei suoi uffici regionali. L’organizzazione comunicherà i risultati del monitoraggio sul suo sito web a ONG partner e ai media locali e nazionali“. Se l’importo speso dal governo degli Stati Uniti per i media “indipendenti” diminuisce, spiega il CIMA nel suo rapporto del 2013, è perché il governo statunitense “taglia i finanziamenti ai media che sostiene per via del ritiro statunitense da Iraq e Afghanistan, in particolare riducendo di 28 milioni le spese in Asia meridionale e centrale, e di 17,7 milioni in Medio Oriente nel 2010-2012“.

Nessun commento:

Posta un commento

PE LA MAIELL !

PE LA MAIELL !
LA MIA MAIELLA : REGINA MAESTOSA DELLA MIA TERRA !!! URLA STOP scie chimiche!!! Vasto (CH) Abruzzo Italia Europa Mondo 14 gennaio 2014 ore 15.00