Quello che più mi preme in questo momento storico
è opporre RESISTENZA a questa cultura mediatica e capitalistica a cui ci vogliono assuefare!
LEGALIZZIAMO LA LIBERTA'!!! CIELI LIBERI! TERRA LIBERA! MARE LIBERO! COSI SIA!! COSI' E'!
#ORA UP! QUESTA E' UNA CHIARA SPERANZA!

QUESTO BLOG VUOLE ESSERE UN ATTO DI RESISTENZA ARTISTICA A QUESTA GUERRA SILENZIOSA FATTA DI INFORMAZIONI FAKE CHE CREANO REALTA' FAKE

LA VERITA' PRIMA DI OGNI ALTRA COSA IN QUESTO REGNO

"L'essere umano è un sistema di informazione e di conseguenza può essere guarito attraverso informazioni"
Erich Körbler

lunedì 18 giugno 2018

DEBITO PUBBLICO: I CITTADINI SONO CONSIDERATI UNO STOCK DI CAPITALE UMANO


Questo lavoro è il risultato delle attività di ricerca sul tema della misurazione del capitale umano conseguenti alla partecipazione dell’Istat alla creazione di un Consorzio internazionale in ambito Ocse per lo sviluppo di una versione sperimentale di conti del capitale umano basati sull’approccio income-based degli autori Jorgenson e Fraumeni. Tale approccio definisce il un valore dello stock di capitale umano a partire da una stima della sua capacità di generare reddito per gli individui che lo posseggono. Il reddito futuro atteso è stimato, secondo ipotesi fortemente semplificatrici, come funzione della remunerazione del lavoro attualmente osservata.
La specificità del lavoro è di combinare la stima del capitale umano impiegato in attività market (quelle vendute sul mercato e rientrano nel quadro principale del sistema dei Conti nazionali) con quella in attività non market (ovvero la produzione di beni e servizi fruiti e ceduti gratuitamente) riferibili alla produzione domestica e al tempo libero.

Fonte: https://www.istat.it/it/archivio/112810

Il capitale umano di ciascun italiano ha valore medio circa 342mila euro. Il calcolo è dell'Istat

Fonte: http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2015-09-30/quanto-vali-veramente-calcolare-capitale-umano-192950.shtml?uuid=ACaZlk7&refresh_ce=1

Nel momento della nascita lo stato in maniera fraudolenta crea un trust   che in automatico all'atto di registrazione nei comuni genera un codice fiscale

Fonte: https://www.popolounico.org/atto-di-nascita

Il codice fiscale contiene codici bancari,  militari e aereonautici americani


 L'Italia è una società privata iscritta al SEC (Commissione per i titoli e gli scambi) n'ente federale statunitense  preposto alla vigilanza delle borse valori
 Numero iscrizione REPUBBLIC OF ITALY
https://www.sec.gov/cgi-bin/browse-edgar?action=getcompany&CIK=0000052782


IL CORPO NASCOSTO DEI GIURISTI Cosimo Marco Mazzoni
 http://attivissimavasto.blogspot.com/2018/05/il-corpo-nascosto-dei-giuristi-cosimo.html

FRODE LEGALE, DEBITO PUBBLICO, FRODE FINANZIARIA


Ora vediamo come le banche creano il denaro


con Richard Werner che parla delle banche centrali e delle crisi economiche

Sei ancora sicuro di voler devolvere il 70% di pressione fiscale ad un'azienda privata , illegale, illeggittima che ha utilizzato il tuo nome legale per la creazione di un obbligazione che gira in circuiti finanziari americani?

Se la risposta è un secco NO, autodeterminati e usufruisci del diritto negativo ovvero diritto naturale usufruendo della legge 881/77 che ha ratificato in italia i diritti umani, esci dai giochetti commerciali di aziende fallimentari. ESCI DA MATRIX! Riprenditi la tua vita e dai un futuro sicuro ai tuoi figli!

Maggiori info sulle autocertificazioni da utilizzare per annullare contratti riguardanti la tua persona e per usufruire dei tuoi diritti di UMANO.
https://www.popolounico.org/autocertificazioni

COME È NATO IL TRUST AUTODICHIARATO DELLA LEGALE RAPPRESENTANZA  


RESTIAMO UMANI IN QUESTO VASTO MONDO

DALLA DISITRUZIONE ALLA CREAZIONE: DAL VULCANO KILAUEA - HAWAII PIOVONO GEMME DI OLIVINA

Dalla distruzione alla creazione. Alle Hawaii, durante la devastante eruzione del vulcano Kilauea, sono letteralmente piovute gemme dal cielo. Ricadute dopo che schizzi di lava e cenere hanno raggiunto anche 70 metri d'altezza, adesso gli abitanti dell'isola stanno trovando piccole gemme di olivina nascoste fra i resti solidificati del magma.

Quella di inizio maggio scorso è stata una delle eruzioni più prepotenti degli ultimi tempi: il Kilauea ha distrutto centinaia di case ed edifici, la lava ha invaso strade, scuole, campi, cortili. L'onda infuocata ha costretto all'evacuazione quasi diecimila persone, i centri abitati sono stati abbandonati e un violento terremoto di magnitudo 6.9, il più forte tra quelli registrati dal 1975, ha completato l'opera di devastazione e terrore soltanto pochi giorni dopo le prime eruzioni. Ma in questo scenario di caos e distruzione un piccolo e bellissimo minerale silicatico verde, di ferro e magnesio e chiamato anche "peridoto", sta regalando tenui sorrisi agli abitanti delle Hawaii. 


Fonte: http://www.repubblica.it/scienze/2018/06/14/news/dal_vulcano_kilauea_piovono_gemme-198996636/?refresh_ce

Risultati immagini per gemme di olivina piovono
Le gemme di olivina, anche nota come peridoto, sono usate da migliaia di anni. La vibrazione di queste pietre verdi aiuta a realizzare i propri desideri, visto che in cristalloterapia si sostiene possa aumentare la fiducia, l’assertività, l’equilibrio e la chiarezza di pensiero. È nota come pietra che dona prosperità e felicità, mentre il suo colore verde è collegato al suo contenuto di ferro. È un minerale relativo al ringiovanimento cellulare, perciò aiuta contro i problemi legati all’invecchiamento.

Fonte: http://www.greenstyle.it/olivina-proprieta-significato-128913.html 

 
Risultati immagini per gemme di olivina piovono

giovedì 14 giugno 2018

COME DEPURARSI DAI METALLI PESANTI: 10 ALIMENTI E RIMEDI NATURALI

I metalli pesanti possono causare allergie, intolleranze e intossicazioni. Possono avere effetti cancerogeni e interferire con i nostri geni. Pensiamo, ad esempio, all'ampia diffusione dell'allergia al nichel, uno dei metalli pesanti più diffusi, tra i quali troviamo, tra gli altri, anche arsenico, cadmio, piombo, mercurio, cromo, alluminio e cobalto.

I metalli pesanti entrano a contatto con il nostro organismo soprattutto attraverso i cibi che ingeriamo e l'aria inquinata che respiriamo.

Ecco alcuni consigli per iniziare a depurarsi dai metalli pesanti e per ridurre l'esposizione alle tossine.

1 - Zeolite
La Zeolite è un minerale di origine vulcanica. È considerata un vero e proprio spazzino dell'organismo. La sua struttura microporosa permette l'assorbimento dei metalli pesanti e delle sostanze dannose che circolano nel nostro corpo. Viene spesso utilizzata negli apparecchi ionizzatori e alcalinizzatori per purificare l'acqua di casa. Per una vera e propria disintossicazione dai metalli pesanti, si consiglia di assumere 1 cucchiaino di zeolite in polvere 30 minuti prima dei pasti principali.

2 - Clorella
L'alga clorella è una microalga unicellulare che vive nelle acqua dolci. La sua assunzione come rimedio naturale favorisce l'eliminazione dei metalli pesanti e l'espulsione delle scorie da parte dell'organismo. È in grado di ridurre le reazioni allergiche e gli stati infiammatori dovuti all'accumulo di metalli pesanti nel nostro corpo. Può essere acquistata in erboristeria sotto forma di integratore naturale alimentare in capsule.

3 - Coriandolo
Il coriandolo, conosciuto anche come prezzemolo orientale o cinese, svolge un'interessante azione chelante nei confronti dei metalli pesanti. È particolarmente utile per la rimozione del mercurio che può essere presente negli spazi tra le cellule e nel nucleo cellulare. L'accumulo di mercurio può causare danni al Dna. È efficace anche contro cadmio, piombo e alluminio presenti nelle ossa o nel sistema nervoso. Si consiglia di assumere il coriandolo accompagnato dalla clorella, in modo che le tossine non vengano riassorbite.

4 - Curcuma
La curcuma è una spezia di origine orientale molto preziosa e ricca di proprietà benefiche. Tra di esse troviamo la capacità di purificare l'organismo dalle tossine, dai metalli pesanti e dagli agenti inquinanti. Purifica il sangue, facilita la digestione e la depurazione dell'organismo. Le proprietà della curcuma, come comprovato da recenti ricerche scientifiche, vengono attivate in abbinamento al pepe nero. Non dimenticate, dunque, di aggiungere ai vostri piatti un pizzico di entrambe le spezie. Per l'impiego della curcuma a scopo curativo, come integratore, è bene rivolgersi ad un erborista. Per potenziare gli effetti benefici della curcuma, si consiglia, infine, di abbinarla allo zenzero.

5 - Aglio
L'aglio non è un semplice alimento, ma un vero e proprio medicinale naturale. È conosciuto e utilizzato fin dall'antichità come rimedio naturale per purificare il sangue e migliorare la circolazione. È in grado di respingere le tossine dal corpo per via del suo contenuto di zolfo. L'abbondante presenza di selenio bioattivo nell'aglio lo rende efficace per proteggerci dalla tossicità del mercurio. Lo zolfo, invece, contribuisce ad ossidare metalli pesanti come cadmio e piombo, rendendoli solubili in acqua.

6 - Acqua e limone
Per ottenere acqua pura, libera dai metalli pesanti e alcalina, è possibile rivolgersi ad alcuni strumenti adatti a renderla alcalina e a depurarla dalle sostanze indesiderate. Bere acqua e limone la mattina presto permette di compiere una profonda pulizia del nostro organismo, favorendo l'eliminazione delle tossine e dei metalli pesanti. Questo rimedio naturale rafforza il sistema immunitario e regola il metabolismo.

7 - Frutta e verdura bio
La frutta e la verdura coltivate industrialmente e con l'utilizzo di pesticidi e di fertilizzanti chimici possono rappresentare una delle fonti di metalli pesanti provenienti dalla nostra alimentazione. Scegliere frutta e verdura biologica, o comunque coltivata in modo naturale, permette di limitare la nostra esposizione ai metalli pesanti contenuti nei fitofarmaci. Il consumo stesso di frutta e verdura, ricca d'acqua, favorisce l'espulsione da parte dell'organismo dei metalli pesanti. I maggiori vantaggi, soprattutto dal punto di vista dell'eliminazione delle tossine da parte dell'intestino, si otterrebbero consumando frutta e verdura cruda e biologica.

8 - Bentonite
La bentonite è una particolare forma di argilla conosciuta da secoli per le numerose proprietà curative. 
Viene impiegata da secoli sia come integratore alimentare che per il trattamento delle malattie. È ritenuta utile per assorbire virus e tossine. È considerata un vero e proprio chelante naturale, efficace per rimuovere i metalli pesanti accumulati nell'organismo. La bentonite, che contiene ioni negativi, sarebbe in grado di attirare le tossine, cariche positivamente. Per una cura disintossicante e chelante a base di bentonite, è bene rivolgersi ad un esperto.
9 - Psyllium
Lo psillio, conosciuto anche come Plantago ovata o Plantago psyllium, è uno dei rimedi naturali più noti contro la stitichezza. L'accumulo di tossine e di metalli pesanti può essere dovuto ad un cattivo funzionamento dell'intestino. Per favorire la rimozione e l'espulsione delle sostanze indesiderate, è possibile assumere lo psillio sotto forma di integratore naturale o di decotto. Per una cura a base di psillio, personalizzata in base alla propria condizione di salute, è bene rivolgersi ad un erborista.
10 - Omega-3
L'assunzione di integratori e di alimenti ricchi di omega-3 è considerata utile per aiutare il nostro organismo a depurarsi dai metalli pesanti. È però necessario porre particolare attenzione alle fonti da cui gli omega-3 provengono. Le tipologie di pesce più ricche di omega-3 possono presentare un elevato contenuto di metalli pesanti. Pensiamo, ad esempio, al salmone. È però possibile reperire in commercio integratori a base di acidi grassi essenziali di origine vegetale. Le sostanze necessarie al nostro organismo per la formazione degli omega-3 sono inoltre presenti nei semi di lino, nelle noci e nell'olio di lino.

11 - Argilla, Carbone vegetale e Zeolite 


Risultati immagini per chelazione metalli pesanti

Caso Bencivelli vs Marcianò: è in atto un piano di discredito al fine di stroncare la lotta contro la guerra del clima

Silvia Bencivelli, protagonista di un piano di discredito concertato ai danni di Rosario Marcianò in accordo con magistratura deviata e difensore d'ufficio corrotto.

PROCESSO BENCIVELLI VS MARCIANO' - SENTENZA ILLEGALE ED ILLEGITTIMA IN VIOLAZIONE DEGLI art. 416, 415-bis , comma 3., art. 420 bis c.p.p., art. 420 quater c.p.p.

IN MERITO AI DIRITTI DELL'IMPUTATO ASSENTE PER MANCATA NOTIFICA DELLA DATA DELL'UDIENZA nonché per omissione dell’interrogatorio di garanzia (richiesto, ma rigettato), dell'udienza preliminare (art. 421 c.p.p.). art. 420 bis c.p.p., art. 420 quater c.p.p. IN MERITO AI DIRITTI DELL'IMPUTATO ASSENTE PER MANCATA NOTIFICA DELLA DATA DELL'UDIENZA nonché per omissione dell'udienza preliminare (art. 421 c.p.p.). Quest'ultima poteva essere saltata solo su espressa richiesta dell'imputato o nel caso di procedimenti speciali.

In particolare, il “nuovo” art. 420 bis c.p.p. prevede che il processo possa essere regolarmente celebrato in assenza dell’interessato solo quando:

– vi sia l’accertata conoscenza del procedimento da parte dell’imputato;
– o l’accertata volontaria sottrazione dello stesso alla conoscenza del processo a suo carico o ad atti di esso.

Fuori da questi casi – che presuppongono tutti la consapevolezza e la libera scelta dell’imputato – il processo in assenza del medesimo non è consentito ed il dibattimento (o la celebrazione dell’udienza preliminare - peraltro omessa - ndr) sarà sospeso così come sarà sospeso anche il termine di prescrizione del reato.

In assenza di udienza preliminare ed addirittura di fronte ad un'immediata sentenza di condanna al termine della prima ed unica udienza dibattimentale in assenza dell'imputato per mancata notifica, siamo di fronte ad un atto violento ed inaccettabile, per cui impugneremo il dispositivo ed agiremo contro il Giudice Massimiliano Botti ed il Pubblico Ministero Alessandro Bogliolo che si sono resi protagonisti di questo scempio giuridico.


L'articolo segue su  http://www.tankerenemy.com/2018/05/caso-bencivelli-vs-marciano-e-in-atto.html#.WyJ3L8TOM2w

Prelievo di liquido dal piano inferiore della fusoliera di un velivolo commerciale



Siamo in grado di mostrarvi le fasi del prelievo del liquido giallognolo che sgocciolava dalla parte inferiore della fusoliera di un A-320, in sosta presso l'aeroporto di Milano Malpensa.

Il composto chimico fu poi analizzato (con il metodo dei reagenti Osumex) e furono rilevati zinco, piombo, rame, cadmio, cobalto, mercurio. Il composto, che formava formato un deposito sul fondo della provetta, si presentava alla vista di colore giallognolo e risultava essere di media densità. Sprigionava inoltre un inconfondibile odore di uova marce. Zolfo? Al fine di evidenziare nella composizione chimica del liquido altri elementi (metalli pesanti e no), è auspicabile un ulteriore esame presso un laboratorio francese di nostra fiducia.


L'articolo prosegue su http://www.tankerenemy.com/2018/05/prelievo-di-liquido-dal-piano-inferiore.html

Un brevetto del C.N.R. conferma che gli aerei commerciali manipolano il clima tramite i carburanti



E' possibile modificare le condizioni meteorologiche e manipolare i cicli pluviometrici, intervenendo sulle nubi tramite l'impiego di carburanti idonei? La risposta è affermativa. A titolo di esempio, vi proponiamo un brevetto risalente al lontano 1973 e nel 1977 assegnato al Consiglio Nazionale per le ricerche (C.N.R.). Nel testo è spiegato in modo approfondito com'è possibile alterare la composizione del combustibile al fine di abbattere l'umidità atmosferica e dissolvere le formazioni nuvolose che potrebbero causare precipitazioni piovose. Ciò è possibile additivando alluminio, magnesio ed altri elementi alcalini che, reagendo con i solfuri di scarto, derivanti dalla combustione, determinano una fine miscela di nanopolveri igroscopiche. E' quindi evidente com'è vantaggiosa ed economica la collaborazione delle compagnie civili, giacché la capillarità delle rotte commerciali permette di intervenire ovunque si intenda distruggere o deviare intere perturbazioni. Cade così ogni fantasiosa spiegazione negazionista, volta a screditare quella che, secondo i media di regime, sarebbe solo una leggenda metropolitana nata dalla sfrenata fantasia di due fantomatici appassionati di bioterrorismo. Dubitiamo che la Magistratura sia mai andata oltre le bislacche dichiarazioni dei pennivendoli e degli pseudo-scienziati che, nei processi farsa a nostro carico, passano sempre per coloro che dispensano la "verità". Costoro, invece, sono solo abili mentitori, sponsorizzati da qualcuno molto in alto.

Il testo del brevetto può essere scaricato dai nostri server in formato txt [LINK]. Qui, invece, in formato PDF.

Consigliamo vivamente di tradurre la descrizione del "patent", in quanto davvero molto istruttivo e chiarificatore. Qui la pagina di Google con il traduttore.

Questo passo in particolare è molto interessante:

"Abbiamo trovato che l'alluminio è il metallo più adatto in quanto, oltre ad essere relativamente economico, può essere considerato inerte a temperatura ambiente (questa caratteristica è un fattore importante per la sicurezza nella preparazione e trasporto delle composizioni descritte), produce un calore notevole di combustione che favorisce una buona continuità di reazione e una buona dispersione di aerosol. Inoltre è disponibile sul mercato nella purezza e dimensione delle particelle adeguate. Tuttavia, magnesio e altri elementi altamente reattivi a temperatura ambiente possono essere utilizzati se vengono adottati espedienti adatti, come ad esempio quello di incorporare e rivestire i granuli di composizione con idonee sostanze inerti e/o leganti. Un espediente adatto per prevenire i pericoli consiste nel riscaldare separatamente il mg e l'ossidante a circa 70 ° C. e mescolando, vengono incollati con piccole quantità di paraffina fusa e quindi amalgamati insieme. In pratica, l'incollatura (miscelazione) viene effettuata sulla presenza di polimeri che, dopo l'impostazione, ottengono "cariche segmentate" e gli ingredienti sono più sicuri da manipolare poiché le miscele reattive in polvere vengono rivestite ed immobilizzate dai polimeri solidi".


L'articolo continua su  http://www.tankerenemy.com/2018/06/un-brevetto-del-cnr-conferma-che-gli.html#.WyJ1IcTOM2w

La strana influenza dell’estate 2018: Salentini a letto con la febbre a 40


http://www.tankerenemy.com
Una singolare influenza si è diffusa nel Salento nella prima decade di giugno 2018. E’ difficile stabilire quali siano le cause dell’epidemia. I media mainstream evocano un virus tropicale, ma non tutti gli infettivologi concordano nell’attribuire ai virus questa ed altre patologie. Su che cos’è veramente un virus si legga questo fondamentale studio. In ogni caso, è indubbio che il sistema immunitario è fortemente indebolito dai mille veleni sparsi nella biosfera attraverso le attività chimico-biologiche (scie chimiche, in inglese chemtrails) e con numerosi altri stratagemmi. E infine curioso che il Salento sia la regione della Puglia dove alcuni olivi si sono ammalati a causa di “strani” parassiti…



Febbre altissima, forti dolori articolari e muscolari e, cosa più grave, inappetenza. Sono i sintomi di un virus che ha colpito il Salento in questi giorni. Quando si dice ‘mezza città a letto con la febbre’… È colpa del virus micidiale che ha colpito molti proprio all’inizio dell’estate, senza fare distinzione tra bambini e adulti.

I sintomi sono quelli dell’influenza tradizionale, ma particolarmente accentuati: febbre altissima, forti dolori articolari e muscolari e, cosa più grave, inappetenza. Qualcuno ci ha riferito di essere rimasto anche tre giorni senza toccare cibo, altri si sono dichiarati molto preoccupati a causa del periodo in cui si è manifestata la sindrome. Dover stare chiusi in casa e a letto con i 32/34 gradi di questi giorni nel Salento non deve essere stata proprio una vacanza.



Attenzione allora: se si vogliono evitare le fleboclisi, bisogna bere davvero tanto, specie gli anziani che generalmente sono i più esposti al rischio di disidratazione. Anche i bambini lo sono, ma questo virus si è rivelato peggiore per gli adulti.

Alla fine, dopo quattro giorni “pesanti”, si torna alla normalità e di sicuro non è molto normale affrontare l’influenza in piena stagione estiva, il sospetto che possa essere un nuovo virus tropicale, più o meno misterioso, diventa quasi una certezza, un rischio con il quale, dicono gli infettivologi, bisogna ormai prendere dimestichezza.

Fonte: leccenews24

giovedì 7 giugno 2018

LA COSCIENZA COLLETTIVA CHE PLASMA COSCIENZE INDIVIDUALI

LA COSCIENZA COLLETTIVA PLASMA LA COSCIENZA INDIVIDUALE anche nel mondo del calcio.
Macht Argentina -Israele ANNULLATO
"Non posso giocare contro chi uccide bambini palestinesi innocenti. Abbiamo dovuto cancellare il match perché siamo essere umani prima che giocatori di calcio"
Messi, calciatore Argentino
 L'immagine può contenere: una o più persone, baseball e testo

IL PATTO SEGRETO - (The Secret Covenant) inviato da un anonimo nel lontano 2002

 (QUESTO DOCUMENTO FU TRASCRITTO E TENUTO SECRETATO DAI DETENTORI DEL "GOVERNO OCCULTO" (CHIAMATI ILLUMINATI) LA VERICITA' DI QUANTO LEGGERETE SARA' A VOSTRA DISCREZIONE.. TUTTAVIA LE COSE CHE SONO SCRITTE SONO IN FASE DI REALIZZAZIONE E LE POTETE OSSERVARE NELLA REALTA')

> Un’illusione che sarà, cosi vasta da sfuggire alla loro percezione. Coloro che la vedranno, saranno percepiti come folli.

> Noi creeremo fronti separati per impedire loro di vedere la connessione con noi.

> Ci comporteremo come se non fossimo collegati al mantenimento dell’illusione. Il nostro obbiettivo sarà raggiunto una goccia alla volta così da non fare cadere mai il sospetto su di noi. Questo impedirà loro di vedere i cambiamenti cosi come si verificano.

> Noi staremo sempre sopra al campo relativo della loro esperienza conoscendo i segreti dell’assoluto.

> Noi lavoreremo sempre insieme e saremo legati dal sangue e dalla segretezza. La morte arriverà su chi parla.

> Manterremo la durata della loro vita breve e le loro menti deboli, con la scusa di fare l’opposto.

> Noi useremo la nostra conoscenza della scienza e della tecnologia in modi sottili cosicchè loro mai vedranno cosa stia succedendo.

> Useremo teneri metalli, accelleratori di invecchiamento e sedativi nel cibo e nell’acqua, ed anche nell’aria.

> Saranno ricoperti di veleni, ovunque essi si gireranno.

> I metalli teneri causeranno loro la perdita delle loro menti. Prometteremo di trovare una cura dai nostri molti fronti, ma gli faremo mangiare ancora più veleno.

> I veleni saranno assorbiti attraverso la loro pelle e bocche, distruggeranno le loro menti e i sistemi riproduttivi.

> Da tutto questo, i loro bambini nasceranno morti, e noi nasconderemo questa informazione.

> I veleni saranno nascosti in ogni cosa che li circonda, in quello che bevono, mangiano, respirano e indossano.

> Dobbiamo essere geniali nel dispensare i veleni perchè loro guardino altrove.

> Insegneremo loro che i veleni sono buoni, con immagini divertenti e toni musicali.

> Coloro che mirano ad aiutare Noi li arruoleremo a spingere i nostri veleni.

> Vedranno i nostri prodotti essere usati nei film, si abitueranno ad essi e non conosceranno mai il loro vero effetto.

> Quando partoriranno inietteremo veleni nel sangue dei loro bambini e li convinceremo che è per il loro aiuto.

> Inizieremo presto, quando le loro menti sono giovani, ci rivolgeremo ai loro figli con ciò che i loro figli amano di più, le cose dolci.

> Quando i loro denti carieranno, li riempiremo con metalli che uccideranno le loro menti e porteranno via il loro futuro.

> Quando la loro capacità di comprensione sarà danneggiata, creeremo medicine che renderanno loro ancora più malati e causeranno danni per i quali noi creeremo ancora più medicine.

> Renderemo loro docili e deboli di fronte a noi attraverso la nostra potenza.

> Diventeranno depressi, lenti ed obesi, e quando verranno da noi per chiedere aiuto, daremo loro ancora più veleno.

> Focalizzeremo la loro attenzione verso il danaro e i beni materiali in modo che non si connettano mai con il loro io interiore.> Distrarremo loro con la fornicazione, coi piaceri esterni e con i giochi, così che essi non potranno mai essere un tutt’uno con l’unità del tutto.

> Le loro menti ci apparterranno e faranno ciò che noi diremo. Se rifiutano noi troveremo modi per implementare la tecnologia di alterazione mentale nelle loro vite. Useremo la paura come nostra arma.

> Stabiliremo i loro governi e stabiliremo le opposizioni al loro interno. Possederemo entrambi le fazioni.

> Nasconderemo sempre il nostro obiettivo ma porteremo a termine il nostro piano.

> Eseguiranno il lavoro per noi e noi prospereremo dalla loro fatica.

> Le nostre famiglie mai si mescoleranno con le loro. Il nostro sangue dovrà essere sempre puro, poichè questa è la via.

> Faremo si che si uccidano a vicenda quanto questo ci fa comodo.

> Li terremo disuniti attraverso il dogma e la religione.

> Controlleremo tutti gli aspetti delle loro vite e diremo loro cosa pensare e come.

> Li guideremo gentilmente e delicatamente lasciando credere loro che siano loro stessi alla guida.

> Fomenteremo animosità tra di loro attraverso le nostre fazioni.

> Quando una luce splenderà tra di loro, noi la estingueremo con il ridicolizzarla, o con la morte, a seconda di cosa sia meglio per noi.

> Faremo loro reciprocamente strappare i cuori di ognuno e uccideranno i loro stessi figli.

> Otteremo questo usando l’odio come nostro alleato, la rabbia come nostra amica.

> Faranno il bagno nel loro sangue e uccideranno i loro vicini per tutto il tempo noi lo riteniamo necessario.

> Beneficeremo grandemente da tutto questo, perchè non ci vedranno, non possono vederci.

> Continueremo a prosperare dalle loro guerre e dalle loro morti.

> Dobbiamo ripetere questo più e più volte fino a che il nostro obiettivo finale sarà ultimato.

> Continueremo a farli vivere nella paura e nella rabbia attraverso immagini e suoni.

> Useremo tutti gli strumenti che abbiamo per adempiere a ciò.

> Gli strumenti saranno forniti attraverso il loro lavoro.

> Noi faremo loro odiare sè stessi ed i loro vicini.

> Noi nasconderemo loro la verità divina, che siamo tutti uno. Questo non devono mai saperlo!

> Non devono mai sapere che il colore è un’illusione, devono sempre pensare che sono diversi.

> Goccia dopo goccia, goccia dopo goccia avanzeremo verso il nostro obiettivo.

> Prenderemo sopra la loro terra le risorse e la ricchezza per esercitare il controllo totale su di loro.

> Li inganneremo nel farli accettare leggi che ruberanno loro quel poco di libertà che hanno.

> Creeremo un sistema del danaro che imprigiona loro per sempre, tenendo loro e i propri figli nel debito.

> Quando si dovranno escludere a vicenda, li accuseremo di crimini e presenteremo una storia diversa al mondo
poichè possediamo tutti i media.

> Useremo i nostri media per controllare il flusso di informazioni e i loro sentimenti in nostro favore.

> Quando si alzeranno contro di noi, li schiacceremo come insetti, poichè sono meno di questi.

> Saranno impotenti a fare qualsiasi cosa, poichè non avranno armi.

> Recruteremo alcuni di loro per realizzare i nostri piani, prometteremo loro la vita eterna, ma la vita eterna non l’avranno mai, poichè lorono non sono dei nostri.

> Le reclute saranno chiamate “iniziati” e saranno indottrinati a credere a falsi riti di passaggio verso livelli più elevati.> I membri di questi gruppi penseranno di essere uno con noi senza mai conoscere la verità. Non devono mai conoscere la verità poichè si rivolteranno contro di noi.

> Per il loro lavoro saranno premiati con beni materiali e grandi titoli, ma mai diventeranno immortali congiungendosi a noi, mai riceveranno la luce e viaggieranno tra le stelle.

> Non raggiungeranno mai i più alti livelli, poichè l’uccisione dei propri simili impedirà il passaggio al regno dell’illuminazione.
Questo non dovranno mai saperlo.

> La verità sarà nascosta cosi vicina alle loro facce che non saranno in grado di focalizzarsi su di essa fino a quando sarà troppo tardi.

> Oh Sì, cosi grande sarà l’illusione della libertà, che non sapranno mai che sono nostri schiavi.

> Quando tutto è al suo posto, la realtà che avremo creato per loro li possederà. Questa realtà sarà la loro prigione. Vivranno in una auto-illusione.

> Quando il nosto obiettivo sarà raggiunto, inizierà una nuova era di dominazione.

> Le loro menti saranno vincolate delle loro convinzioni, le convinzioni che abbiamo stabilito da tempo immemorabile.

> Ma semmai dovessero sapere che ci sono eguali, noi periremo. QUESTO NON DEVONO MAI SAPERLO.

> Se mai dovessero scoprire che insieme ci possono vincere, si metterebbero in azione.

> Non dovranno mai scoprire cosa abbiamo fatto, poichè se lo facessero, non avremmo nessun posto dove andare, poichè sarà facile vedere chi siamo una volta che il velo è caduto. Le nostre azioni porteranno alla luce chi siamo, e ci caccieranno e nessuna persona ci darà riparo.

> Questo è il patto segreto attraverso il quale vivremo il resto del nostra presente e delle future vite, poichè questa realtà trascenderà molte generazioni e la durata della vita.

> Questo patto è scritto nel sangue, il nostro sangue. Noi, quelli che dal cielo alla terra siamo venuti.

> Questo patto non DEVE MAI, MAI essere conosciuto di esistere. Non deve MAI, MAI essere scritto o parlato poichè se questo avviene, la coscienza che provvede a creare rilascierà la furia del CREATORE PRIMO su di noi e saremo gettati negli abissi da dove veniamo e rimaremo la fino alla fine del tempo stesso infinito.

Scritto da autore SCONOSCIUTO - inviato il 21/06/2002

IL TESTO ORIGINALE IN INGLESE:
http://www.librarising.com/conspiracy/covenant.html



"Questa forza non è umana, esiste e stai certo che dietro le scene, loro controllano ogni cosa."

> (Bill Cooper - ma poi è stato ucciso prima che arrivasse alle sue conclusioni finali..)

"Non ci sono evidenze, desidero enfatizzare che questi esseri siano, in qualsiasi forma, ostili verso di noi."

> Steven Greer - Disclosure Project

"Alla maggioranza dei giudei non piace ammetere ciò, ma il nostro Dio è Lucifero.. e noi siamo il suo popolo scelto. Lucifero è molto vivo."

> Harold Resenthal - Protocolli di Sion

"Ricorda che le persone che mettono alla Casa Bianca sono solamente attori e messi li per l'immagine, e in nessuna posizione di autorità."

> (Dal documentario - Lucifero il DIO degli Illuminati - gli Alieni sono DEMONI)

"Lui ci disse anche che loro (i demoni) promettereanno che se le loro indicazioni vengono seguite, allora non ci saranno più guerre e non più fame. Loro prometteranno una gloriosa nuova era di perfetta pace e felicità........"

> Roger Morneau - un viaggio nel soprannaturale

"Queste sataniche linee di sangue danno i loro corpi a queste entità demoniache. Quando mettiamo queste linee di sangue nel potere stiamo mettendo tali entità al potere."

> (David Icke)

"Come Satanisti ci fu detto che gli illuminati erano esseri spirituali satanici molto potenti, il che non è falso perchè gli illuminati sono posseduti da questi esseri."

> (Stephen Dollins)

"Nessuno entrerà nel Nuovo Ordine Mondiale senza che lui o lei abbia preso un impegno di adorare Lucifero. Nessuno entrerà nella Nuova Era senza che abbia avuto una iniziazione LUCIFERIANA."

> (David Spangler, direttore delle Iniziative Planetarie - Nazioni Unite)

"Copie della cospirazione degli illuminati furono inviate ai capi delle chiese e degli stati. Il potere degli illuminati è così grande che questo avvertimento fu ignorato, così come gli avvertimenti che Cristo diede al mondo."

> (William Guy Carr - pedine nel gioco)

"La maggioranza delle apparizioni medianiche sono creature elementari (sue parole per i demoni) mascherati da corpi composti da sostanze dei pensieri forniti dalle tante persone che desiderano contemplare questi spettri di esseri disincarnati"

> (Manly P.Hall - Magia cerimoniale e stregoneria)

"Le macchine da guerra americane ed inglesi sono comandate da uomini i quali tutti hanno giurato fedeltà al Demone assassino DIO degli Illuminati. Loro stanno sacrificando le vite dei tuoi figli e figlie sull'altare dell’occhio che tutto vede."

> (Chris Everad)

"La nostra battaglia infatti non è contro creature fisiche fatte di sangue e carne, ma contri i Principati e le Potestà, contro i dominatori di questo mondo di tenebra, contro gli spiriti del male che abitano nelle regioni celesti".

> (Leone XIII in "Inimica Vis" sulla Massoneria - Ef 6,12)

Ormai dovrebbe essere chiaro che questa non è una cospirazione umana. Stiamo trattando con forze non umane che confidano negli Illuminati per i compiti fisici. Quando John Todd lasciò l'occultismo, affermò che gli Illuminati ricevevano ordini direttamente da un gruppo di principati demonianci chiamati “I SETTE“

> (John Todd)

"Tutte le mosse fatte dai cospiratori internazionali sono dirette da Satana e mentre la situazione è decisamente seria, essa è senza speranza. La soluzione è finire il gioco che i cospiratori internazionali hanno giocato proprio adesso, prima che uno o un altro gruppo totalitarista imponga le loro idee sul resto dell'umanità."

> (William Guy Carr - pedine nel gioco)

"I Rothschild, i Rockefeller, la Famiglia Reale inglese e le famiglie dominanti della politica e dell'economia negli USA e nel resto del mondo vengono dalle STESSE discendenze. Non è perché sono snob, è per mantenere al meglio la loro struttura genetica: il DNA rettiliano-mammifero che gli permette di cambiare forma (shape-shifting..)"

> (David. Icke)

"Nel 1770 i finanziatori di denaro (i quali hanno recentemente organizzato la casa dei Rothschild) impegnò lui (Adam Weishaput) per rivedere e modernizzare i vecchi protocolli progettati per dare alla sinagoga di Satana ulteriore dominio sul mondo. Così che loro possano imporre l'ideologià luciferiana su quello che rimarrà della razza umana dopo il cataclisma sociale attraverso un depotismo satanico. Weishaupt completò il suo lavoro nel 1 maggio 1776.."!

> (William Guy Carr, Pawns in the Game)  

Fonte: http://menphis75.mastertopforum.com/il-patto-segreto-the-secret-covenant-vt15936.html
    Risultati immagini per covenant

lunedì 14 maggio 2018

IL CORPO NASCOSTO DEI GIURISTI - Cosimo Marco Mazzoni


Fonte: https://www.personaedanno.it/articolo/il-corpo-nascosto-dei-giuristi--cosimo-marco-mazzoni

Vorrei parlare di una vicenda che il giurista conosce bene. Essa fa parte del suo bagaglio culturale: ed è un bagaglio culturale che lo distingue da quello di tutti gli studiosi delle altre scienze cosiddette sociali. Questi ultimi hanno davanti a sé dati della vita reale, perché i dati della vita reale sono per l’appunto l’oggetto del loro studio. I sociologi, gli antropologi, gli economisti studiano elementi o porzioni della realtà, non le sue rappresentazioni, come invece fa il giurista. Vorrei dunque parlare del corpo nascosto, del corpo che non c’è, celato dietro spoglie figurative. Sono spoglie che riproducono l’uomo nello specchio che ne fa il giurista. Egli ragiona per figure rappresentative, per artefatti, ovvero – per usare una terminologia a lui consueta - per fattispecie. E’ uno specchio che rimanda indietro l’immagine di un uomo privo di corpo, di un uomo dimezzato.


Vorrei parlare dunque della decostruzione del corpo e della sua disincarnazione. Esse cominciano dalla rappresentazione e dalla divulgazione della sua forma esteriore: quando si sostituisce - o si rende fungibile - la raffigurazione alla sua essenza materiale; quando si sostituisce la realtà virtuale alla realtà fisica. E’ una vicenda che il giurista conosce bene. I modelli che egli ha costruito in più di duemila anni sono sempre modelli rappresentativi, sono forme di qualcosa, sono dati che rispecchiano solo pallidamente il mondo tangibile, perché sono i simboli di quella realtà materiale. La realtà del diritto è all’opposto una realtà virtuale, fatta di figure, di parole. Ciò che al giurista sta a cuore non è il corpo umano, e neppure l’essere umano fatto anche di corpo, ma solo il suo sembiante. Il quale si esprime in una locuzione tipicamente giuridica, e cioè nell’ossimoro “persona fisica”.

Se ci pensiamo bene questa espressione è diventata per il giurista un’unità concettuale, un sintagma. Mentre si tratta dell’accostamento di un’astrazione con un dato della realtà materiale.

Così, l’altra espressione “soggetto del diritto” viene costruita come un artefatto dell’ordine giuridico: è insomma un’ istituzione: vitam instituere, secondo la formula di Marciano. Istituire la vita è creare giuridicamente la vita. E’ su questa istituzione che si possono comporre i modelli. Le sue cause fondanti sono dati di una realtà virtuale. Si chiamano persona, soggetto, parte, socio, erede, eccetera; e nella dimensione costituzionale, cittadino.

I giuristi si sono sempre sforzati di dissociare – secondo l’antico modello romanistico – realtà naturali e artifici giuridici, causalità ed imputazione, fatti sociali e norme. E’ così che nasce la distinzione tra l’essere umano, fatto di carne, di ossa, di realtà corporea, e la sua “persona”: quello che Yan Thomas chiama “l’essere concreto e la sua persona”. Sembra si tratti di due entità diverse, e ciascuna si muova nella propria realtà, una virtuale e una fisica. La personalità (giuridica) non svela quasi niente della realtà fisica, psichica, sociale, perché si riduce ad una funzione, che consiste solamente nella sua capacità di detenere ed esercitare dei diritti. Il giurista ha anche inventato l’espressione “fattispecie” (pessima traduzione del tedesco Tatbestand), che significa “immagine del fatto”. Ha coniato la parola corrispondente a ciò che dei fatti egli vuole si rappresenti: si tratta nientemeno che della trasfigurazione della realtà nel passaggio dalla natura al diritto. E’ il legislatore che riduce gli accadimenti della vita reale in fattispecie.

Egualmente, l’ormai impronunciabile parola persona non è l’essere umano fatto di carne ed ossa, ma la sua raffigurazione, l’immagine filosofica e giuridica di uomo. Perché? Perché è priva di corpo, perché è dematerializzata. Solo il corpo può vantare il contrassegno della tangibilità, della tattilità, della carnalità rispetto alla costruzione complessiva di uomo.

La persona non coincide con l’essere umano neppure riguardo ai tempi della sua esistenza. I due concetti, senza essere indipendenti tra loro, non corrispondono cronologicamente. Tempo dell’uomo e tempo della persona: il tempo naturale dell’essere umano non è il tempo giuridico della persona. Nascita e morte si spostano con le nuove biotecnologie. L’inizio della vita è anticipata rispetto alla nascita, così come il suo termine è posticipato o sospeso dalle tecnologie del vivente e dalle terapie di fine della vita. Per stabilire il tempo dell’esistenza della persona il diritto opera una scelta arbitraria, non confortata da alcuna coincidenza con l’ordine naturale. E l’arbitrio è per sua natura confutabile. Il diritto italiano prevede l’acquisto della capacità giuridica con la nascita del feto vivente, il diritto francese la subordina al requisito della vitalità, cioè al perdurare delle condizioni fisiche vitali. Non solo: è da almeno da due secoli e mezzo che il legislatore civile ha appreso dalle scienze biologiche che la vita umana inizia col concepimento e non con la nascita. Ma la legge civile continua a mantener ferma l’ipotesi che sia la nascita a dar vita all’essere umano nella sua configurazione di persona. E’ questo dunque l’arbitrio giuridico: creare una vita giuridica accanto a una vita naturale dell’uomo, e stabilire in qual momento assegnarle rilevanza giuridica. Uomo e persona si duplicano nei ruoli e si unificano nella corporeità. Vorrei ora cercare di dimostrare che alla fine è proprio il corpo, substrato della persona e elemento carnale dell’uomo, a diventare il dato unificante dell’essere umano.

* * *
A partire dal XVI secolo i giuristi ritornano a ripensare al lascito del diritto romano e riprendono a considerare gli esseri umani in rapporto ad un’entità giuridica distinta da quello che erano nella realtà e in natura. Si scompone ciò che appartiene alla natura e ciò che riguarda il diritto. Secondo la formula di Ugo Donello: homo naturae, persona iuris civilis vacabulum. Ormai ogni uomo era necessariamente “uomo” dal punto di vista universale (e cioè secondo natura e secondo realtà) e “persona” dal punto di vista del diritto. Tanto da indurre Domat a distinguere lo “stato della persona” che riguardava solamente la vita civile da tutti gli altri vari modi della vita reale, che egli chiamava i “generi di vita”. La distinzione, che con Domat viene poi trasferita nel Code civil, serviva a mascherare l’individualità concreta dietro un’entità astratta: dove la prima è biografica e la seconda è statutaria.

Nel sistema delle codificazioni napoleoniche i soli riferimenti all’esistenza del corpo si trovano nel dovere dei coniugi di “nutrire” i figli, nel dovere dei figli di provvedere ai “bisogni alimentari” dei loro ascendenti, e nel diritto dei figli adulterini e incestuosi di ottenere il mantenimento alimentare da parte dei genitori naturali. Per il resto, sembrava assolutamente sufficiente che l’uomo fosse rappresentato dall’astrazione della persona fisica. E così la protezione del corpo contro aggressioni fisiche si è realizzata a partire dal Code pénal e per tutti i codici che ne sono derivati con la disciplina “Dei delitti contro la persona”. La nozione di persona è così arrivata ad assorbire perfettamente l’individualità umana nel suo insieme, tanto che i giuristi sono giunti alla conclusione che il corpo fosse identificabile con la persona. La specificità della sua disciplina ha offerto al civilista ottocentesco il lusso di uno splendido isolamento nei confronti delle cose corporee, da quelle entità che hanno un’esistenza visibile, che “hanno gravità di polpe e d’ossa” come scriveva alla fine dell’800 Giovanni Lomonaco. Un altro civilista dei primi del secolo scorso scriveva:

Se un diritto, come avveniva in Roma e in parte nei secoli scorsi, non fa coincidere il concetto di uomo conquello di persona, ne consegue necessariamente che si deve stabilire dapprima se si abbia un uomo.

Il mondo del giurista è – dunque - una realtà metafisica: è per questa ragione che il corpo non è mai entrato a far parte del suo bagaglio culturale. Come la morte. Come la nascita. A riflettere bene, la nascita rileva per il giurista solo come un dato sociale, non biologico. E’ il dato sociale e normativo che fa acquistare al corpo nato vivo la qualità di persona. E’ la nascita che si fa persona per il diritto.

La sua rilevanza sulla scena giuridica ne ha trasformato ruolo ed appellativo nei concetti di persona e di soggetto del diritto. Locuzioni queste che, come tutti i giuristi di ogni luogo e tempo sanno, sono un’astrazione, un artificio formale, una metafora: o ancor meglio un artefatto, una rappresentazione. Ecco un testo che potrebbe tornare utile al discorso giuridico:

“Rappresentare” che equivale letteralmente “portare alla presenza qualcosa” e non semplicemente l’incarnazione di un’astrazione di un oggetto, bensì come presentazione di qualcosa in modo diverso – per esempio un cane in un dipinto. La rappresentazione ha quasi sempre un aspetto visivo rappresentare significa un presentare di nuovo – il presentare qualcosa che non è presente – e può assumere una forma linguistica come visiva Il processo rappresentativo è fondamentale per la vita sociale dell’essere umano. Negli umani, le rappresentazioni sono tracciatesi un linguaggio esternalizzato Il linguaggio ci rende capaci di rappresentare (non in modo figurativo, naturalmente, ma arbitrario) quello che non c’è. Da questo punto di vista il linguaggio stesso è un inganno. La parola ”cavallo” non è un cavallo ma può rappresentare il cavallo in sua assenza.


Tuttavia, il giurista rimane disorientato quando ha a che fare con atti di disposizione del proprio corpo, con parti del corpo staccate e che vivono di vita propria perché possono essere rimosse e trapiantate in altri corpi; quando ha a che fare con entità umane non ancora persone, come il concepito, il quale acquista rilievo per via della sua corporeità, per via della sua esistenza come corpo, come entità incarnata: e non come rappresentazione di qualcosa che la scena giuridica sia in grado di riconoscere: ebbene il giurista è disorientato, è impreparato. Deve dare significato ad entità sconosciute al proprio mondo. Deve dare significato a dimensioni prive di valore nel mondo delle proprie rilevanze giuridiche.

Il momento a partire dal quale il corpo entra nel diritto civile è coll’ irrompere delle biotecnologie contemporanee: le parti del corpo, gli organi, i tessuti. Sono pezzi di corpo che diventano valori in sé, vivono di vita propria. La rilevanza, giuridica, dell’embrione si basa solamente sulla sua corporeità. La simbologia dell’embrione come essere umano, con tutte le speculazioni di carattere “bioetico” che ne vengono fate, deve la sua ragione alla materialità di un composto di cellule, al dato empirico di un ovulo fecondato. Taluno ha tentato di rendere possibile l’impossibile, assegnando soggettività ad entità corporali come l’embrione non ancora personificate. Esse producono conseguenze giuridiche solamente in virtù della loro realtà corporale. Si opera così una era e propria contraddizione in termini concettuali. Concetti astratti che servono alla identificazione di realtà fisiche. E’ così che la sostituzione della persona al corpo è in grado di conferire valore giuridico al suo substrato corporale. E’ la materia che si fa spirito, è il corpo che si fa immagine. Come ha scritto Jean-Pierre Baud,

“la fine del XX secolo resterà nella storia del diritto come l’epoca in cui la riflessione giuridica ha dovuto scoprire il corpo, mentre il sistema di pensiero in cui si muoveva era stato costruito duemila anni prima, perché non se ne parlasse, perché non si dovesse pronunciarsi sulla sua natura giuridica e perché il giurista abbandonando la sacralità di questa cosa al prete e la sua trivialità al medico, potesse ricostruire un’umanità popolata di persone, vale a dire di creature giuridiche, cioè create dal giurista”.

Vorrei leggere un testo del grande giurista francese, Maurice Hauriou che nel 1899 scriveva le Leçons sur le mouvement social:

La personalità giuridica individuale ci appare continua e identica a se stessa; essa nasce con l’individuo ed è subito costituita; essa resta sempre la stessa durante tutta la sua esistenza; nel corso degli anni sorregge senza cedimenti situazioni giuridiche immutabili; veglia mentre l’uomo dorme; resta sana quando egli sragiona; a volte essa si perpetua dopo la morte quando ci sono degli eredi che sono i continuatori della persona. Ora, nella realtà delle cose, le volizioni degli uomini sono intermittenti, mutevoli, contraddittorie, non solo esse non si mantengono ferme sullo stesso oggetto, ma cambiano continuamente. Su questa fisionomia agitata, tumultuosa, sconvolta da tutti i capricci e da tutte le passioni che è l’aspetto volontaristico dell’uomo, il diritto ha applicato una maschera immobile.

Coll’ affermarsi del positivismo si accentua da un lato la separazione tra natura e norma; e dall’altro, in contraddizione a questo primo assunto, si assiste ad una sorta di confusione tra uomo e persona, fino ad oggi ben vivo. Ancora alla fine dell’ 800 i trattatisti italiani si dilungavano in questa separazione:

L’uomo è la potenza intelligente – volente - libera; persona è l’essere capace di diritti. Per legge naturale, confondendosi la persona con l’uomo, la capacità di diritto è attribuita ad ogni uomo, e solo l’uomo è capace di diritto. Viceversa per legge positiva, distinguendosi la persona dall’uomo, la capacità giuridica non è attribuita ad ogni uomo, né il solo uomo è capace giuridicamente. La legge positiva, negando la personalità giuridica a qualche individuo umano, costituirebbe una classe di uomini non persone, riconoscendola ad altri individui, ammetterebbe la classe di uomini-persone concedendola finalmente ad esseri non individui umani, creerebbe la terza classe di persone non uomini … La persona fisica, giuridicamente parlando, è l’uomo riconosciuto soggetto di diritto, o l’uomo al quale è concessa la personalità giuridica.

La vita giuridica, quella che inizia con la nascita, potrebbe certamente subire modifiche. Potrebbe fissarsi al momento del concepimento; oppure al 16° giorno dal concepimento, oppure allo scadere del terzo mese di gravidanza in coincidenza col divieto di interruzione della medesima. La legge naturale fa della vita umana un evento in fieri che connota fin dal suo inizio l’individualità e la personalità dell’essere umano, dal concepimento alla nascita. La legge civile – invece – fa della vita umana un’entità chiamata a svolgere un ruolo a partire da un certo stadio del suo sviluppo biologico. E tutti i codici contemporanei hanno scelto il momento della nascita come momento di inizio della vita (giuridica). Ecco, come già ricordavo sopra, un altro arbitrio giuridico.

* * *


Ma non possiamo fermarci qui. Oggi, l’ambiguità della parola “persona” diventa quasi imbarazzante, la dicotomia tra essere ed apparire lo è ancora di più. La questione non diventerà più chiara se continuiamo a restare al livello delle parole, delle definizioni: va spostata sul piano delle analisi delle relazioni vissute, è necessario tener conto delle relazioni e dei legami reciproci degli individui. “Perché si affermi un’identità, bisogna che essa abbia superato la prova della durata e il confronto con l’altro: l’identità non è ciò che precede l’esperienza vissuta, è ciò che ne risulta”.

Oggi il giurista, se non vuol nascondersi dietro nominalismi, è chiamato, è anzi obbligato ad accogliere vocaboli e concetti che reclamano la sua considerazione. A cominciare dalla parola corpo. La quale è entrata nel lessico giuridico per vie traverse, indirette; per via della scienza e della tecnoscienza. Come accennavo prima, sono state le biotecnologie che hanno fatto entrare il corpo nel diritto civile. E il giurista contemporaneo deve fare i conti non più con una realtà trasfigurata o rappresentata, ma con la realtà fatta di uomini e di donne, di corpi fisicamente percepibili, che si toccano e si avvertono coi sensi. L’essere umano non è composto solo di soggettività, ma reclama una considerazione complessiva più ampia e completa. Umanità è diventata parola simbolo in questo contesto. “Si tratta di scorgere i diritti che si radicano nell’umanità stessa”, scrive Stefano Rodotà. Prima di tutto quello di cittadinanza. Il suo fondamento non consiste nell’appartenenza ad un gruppo sociale o a un territorio. Ciascuno porta con sé i dati fondanti della natura umana come tale, a cominciare dai suoi tratti fisici: si pensi ai diritti connessi alla libertà personale ed alla sicurezza fisica, alla famiglia e alla filiazione, alla salute e al lavoro, al domicilio e alla casa, al tempo libero. La cittadinanza diventa così un’idea unificante che riduce ad unità persona e corpo, fisicità e soggettività.

Questo allargamento del lessico - che sottende un radicale cambiamento di prospettiva, è testimoniato anche dal testo legislativo. I documenti legislativi di oggi glissano su questioni di soggettività o di personalità. Prendo per tutti la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea del 2000 (suggerisco questo testo, ma ne potrei proporre altri). Essi non parlano, nel senso che non parlano più, di soggetti o di persone. Essi parlano direttamente e correntemente di uomo, di umanità, di individuo. La quasi totalità degli articoli della Carta comincia: “Ogni individuo… Ogni individuo ha diritto alla vita, ogni individuo ha diritto alla libertà e alla sicurezza, ecc.” (Se si prende a paragone la Convenzione di Roma sui diritti dell’uomo del 1955 ci si rende conto della distanza. Qui si inizia invariabilmente con “Ogni persona… Ogni persona ha diritto alla libertà e alla sicurezza, ecc.”).

Ecco questa parola nuova per il giurista, che compare in sostituzione – direi programmata, intenzionale – alle altre consuete. Queste stanno perdendo quella centralità che avevano una volta. La Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea (nella sua traduzione italiana) ha al riguardo operato una vera e propria rivoluzione lessicale: ha sistematicamente sostituito la parola individuo a quella di persona. Persino la parola cittadino, così frequente nelle carte costituzionali, qui cede a quella di individuo. In tutto quel testo la parola persona non ricorre mai: eccetto che in un caso, quello dell’uguaglianza di fronte alla legge (“tutte le persone sono uguali davanti alla legge”). E’ un’eccezione significativa. L’eguaglianza formale è un dato della dimensione giuridica, non rispetta né riflette la realtà fisica.

E allora vorrei concludere con qualche domanda. Dovremmo pensare che il giurista del futuro dovrà rinunciare ai concetti di soggettività e di personalità? E che il posto della persona e del soggetto di diritto verrà preso dall’uomo come tale? Oppure dovremo pensare che le nozioni di soggettività e di personalità possono in fondo e senza tanti complimenti essere allargate? Allargate ad altre entità. Ma quali?

Ma poi questo nuovo individuo, questo nuovo uomo che prende il posto del soggetto è davvero fatto anche di corpo, è davvero un essere visibile e tangibile? E da quali segni esterni lo si riconosce, si palesa quel corpo che finora era nascosto? Oppure si è semplicemente cambiato nome alla medesima figura?



lunedì 9 aprile 2018

LA MASSONERIA NON È UN'ORGANIZZAZIONE SEGRETA È UN'ORGANIZZAZIONE CON SEGRETI



La massoneria detiene le chiavi del potere nel mondo. E detiene queste chiavi grazie agli strumenti magico-esoterici di cui si serve.

Il potere usa la magia, e a noi fa credere che non esista, “superstizione” dicono..

Il controllo mentale viene attuato con una serie di trigger (innesco): specchio, vetri rotti, chiave, rumore di motoseghe


La massoneria utilizza vari termini e strumenti quando circuisce una vittima: menta, caramelle, peperoncini, fichi, rose rosse, olio, sapone, piante grasse, abbracci, amore, alba, pellicano, uccelli, cigno, scarpe, orso , G , J, B, A .


Per riconoscersi tra di loro utilizzano messaggi segreti e linguaggi velati quali l'utilizzo di vari colori , posizioni particolari nelle foto( mento appogiato sulla mano, salti ) gestualità e movimenti , i colori nella montatura degli occhiali, lasciare scoperto solo un occhio nelle foto


I riti che fanno vengono attuati durante i propri lavori quotidiani, seguono i movimenti astrologici per potenziare la magia. Puntano una persona e convergono le loro forze di volontà e magiche , fino a quando questa persona si ammala o le capitano incidenti


L'Italia è un paese infestato da massonerie che utilizzano magia nera, l'associazionismo è stracolmo di personaggi che dietro la cultura formano sette.


La massoneria in Italia è riuscita ad arrivare ad un'ampia fetta di popolazione grazie all'instaurarsi di enti pubblici, università, fabbriche, supermercati, ricatti, pornografia, politica, musica e religioni.


Moltissime persone sono sotto ricatto e sono vittime di queste sette.


I colori delle varie massonerie sono l'azzurro(blu) rosso e nero.


Sono tutti menzogneri provenienti da cultura sionista ebraica


Chi non dice la verità oltre ad essere un malvivente è complice


**** I tempi stanno cambiando, ci saranno processi contro queste sette e utilizzeremo i test kinesiologici per scoprire la VERITÀ di ogni CUORE ****


NON SARANNO RIPETUTI GLI ERRORI DEL PASSATO DOVE HANNO CAMBIATO TUTTO PER NON CAMBIARE NIENTE


SOLO CHI DIMENTICA LA PROPRIA STORIA È COSTRETTO A RIPETERLA ... MA A STO GIRO DI ROTA, GRAZIE AD INTERNET, LA STORIA È TUTTA INTORNO A TE!



Fonte: una CHIARA SPERANZA on fakebook

domenica 8 aprile 2018

MASSONERIA SPIRITISMO SUGGESTIONE MAGNETISMO CONTROLLO MENTALE


Il potere usa la magia, e a noi fa credere che non esista, “superstizione" dicono... 

La massoneria è una filiazione diretta delle società rosacrociane e templari. Possiamo quindi dire, semplificando le cose, che la massoneria è un’immensa organizzazione magico-esoterica. A questo punto allora non c’è bisogno di “prove” per sapere e convincerci che i personaggi più potenti della terra praticano e conoscono la magia. Se è vero che i reali inglesi sono il vertice ufficiale della massoneria di rito anglosassone mondiale, se è vero che Monti, Berlusconi, Bush, Clinton, e tutti i presidenti degli Usa, erano e sono massoni, ma lo erano anche Lenin, Marx, Gheddafi, e in generale i personaggi più importanti della storia dell’umanità, se è vero che la massoneria conta decine di migliaia di affiliati, tratti dalle classi più colte e agiate della società, delle due l’una: o tutta questa gente ha tempo da perdere con organizzazioni, rituali, e confraternite inutili, oppure c’è un motivo più profondo per cui queste persone sono tutte iniziate agli alti gradi della massoneria, cioè di un’organizzazione che è possibile definire come “organizzazione magico-esoterica”.


Il motivo per cui tutta questa gente appartiene o è appartenuta alla massoneria è – in realtà – molto semplice. La massoneria detiene le chiavi del potere nel mondo. E detiene queste chiavi grazie agli strumenti magico-esoterici di cui si serve. Scriveva Aleister Crowley al riguardo: «I nostri fratres posseggono le chiavi di tutte le religioni e possono interpretare a loro vantaggio tutti i riti, creare nuove fedi e nuove festività, governando il mondo secondo giustizia e virtù». Scrive al riguardo Eliphas Levi nel suo “Storia della magia”, nel capitolo intitolato, non a caso, “Origini magiche della massoneria”: I massoni hanno «ricevuto i Templari come modello, i Rosacroce come padri e i Giovanniti come antenati». Per capire cosa è la magia cerchiamo di procedere per vari step. Vedremo che la magia ha un ruolo molto più importante di quel che si crede, nei destini dell’umanità e nelle scelte politiche che si fanno ogni giorno, quotidianamente, sulla pelle dei cittadini e delle masse ignoranti.

La magia è l’arte di modificare la realtà. Israel Regardie scrive che «la magia è l’arte di applicare cause naturali per produrre effetti sorprendenti». Crowley diceva che «lo scopo generale della magia è influenzare il mondo dietro le apparenze, per poter trasformare le apparenze stesse». Robert Canters, nella sua prefazione a “Storia della magia”, scrive che «per mezzo della magia le cose cessano di essere ciò che sono per divenire ciò che noi desideriamo che siano». Il mago non è un tizio vestito in modo strambo che fa uscire un coniglio dal cilindro. Il mago è colui che riesce a modificare la realtà attorno a sé, facendo prendere agli avvenimenti la piega che vuole lui. È magia ad esempio cercare di attirare a sé la persona amata, cercare di attirare ricchezze, ma anche guarire un ammalato (in genere in questi casi si parla di magia bianca) o far ammalare una persona sana (e in genere qui si parla di magia nera). Primo punto fermo è quindi il seguente: la magia è l’arte di modificare la realtà esterna attorno a noi. Come si ottiene la modificazione della realtà? Con l’evocazione di angeli, la recitazione di formule, con la forza di volontà, con procedimenti e riti particolari.

In realtà il mago non fa né più né meno che quello che fanno quasi tutte le persone, ad eccezione degli atei e dei materialisti convinti: il cattolico si recherà a Lourdes o invocherà Padre Pio, l’induista praticherà forme di meditazione (sono strabilianti i “miracoli” compiuti dagli Yogi orientali), il buddhista reciterà dei mantra, altri ritengono di avere un contatto coi propri defunti, ecc. La differenza è che il mago chiama la sua arte “magia”, appunto, mentre il buddhista parlerà di “legge mistica”, l’induista parlerà di poteri yogici, il cattolico dirà che ha ricevuto la grazia dalla Madonna, San Gennaro, Padre Pio, e spesso discorre di miracolo ritenendo ottusamente che i miracoli li possa fare solo la Madonna, e non sapendo che la produzione di eventi eccezionali è assolutamente normale presso la maggior parte delle comunità etniche nel mondo. Ulteriore differenza è che il mago, oltre alle invocazioni di entità superiori, userà qualsiasi altro strumento, connesso alla forza di volontà e all’arte magica in generale. In definitiva possiamo dire che la differenza di fondo tra magia e religione è che il mago studia questi fenomeni in modo scientifico, mentre il cattolico o il buddhista in linea di massima sono inconsapevoli di quello che fanno, e se gli dici che l’invocazione della Madonna o la recitazione del Daimoku o dell’Om Mani Padme Hum, dell’Om Namah Shivaya, sono atti magici, si offendono pure e pensano che tu stia bestemmiando.

Il presupposto fondamentale perché la magia funzioni è che il mago modifichi se stesso e cambi internamente. Secondo punto fermo è quindi che la magia, per essere efficace, ha bisogno di un cambiamento interiore del mago. Non per niente, con mia sorpresa, ho potuto constatare che su tutti i testi di magia, da quelli più antichi ai più moderni, si insiste molto sulla meditazione e sulle varie tecniche di miglioramento di se stessi. Scrive Regardie che la via mistica si può raggiungere in due modi: con la meditazione e lo yoga, o con la magia, ma combinando insieme le due tecniche i risultati saranno eccezionali. Addirittura ho trovato in molti testi di magia la recitazione di mantra tipici dell’induismo o del buddhismo (dal classico Om, all’Om Mani Padme Hum del buddhismo tibetano) e tecniche di meditazione yoga prese pari pari dall’Oriente, e praticate da sempre da Templari e Rosacroce, che le avevano apprese in Oriente. Anche nel libro “Magick” di Aleister Crowley si insiste molto sulla meditazione e lo yoga.

In alcuni libri di magia si fa espresso riferimento agli esercizi spirituali di Ignazio di Loyola (il fondatore dell’Ordine dei Gesuiti) che sono da molti considerati i più efficaci in ambito magico. Nel suo libro “Esercizi spirituali”, Ignazio di Loyola dà consigli di meditazione e immaginazione che, secondo Franz Hartmann, servono per sviluppare i poteri della mente e dell’anima. Peraltro, con mia somma sorpresa, ho potuto constatare che nei testi di magia di Papus, di Dion Fortune, di Eliphas Levi e in altri, si insiste non solo sulla necessità che il mago pratichi la meditazione, ma che segua un regime alimentare vegetariano, senza alcool, e sano. In altre parole, ad approfondire l’esoterismo e la magia si scopre che quelle che vengono fatte passare per “teorie new age” o per scoperte moderne, erano già ampiamente praticate e consigliate da maghi e alchimisti del 1500, del 1700 e del 1800.

Infine, un concetto importante da capire è che la magia, per funzionare, deve procedere in accordo con la natura; il mago riesce a provocare un cambiamento nella realtà materiale, solo se questa volontà è in profondo accordo con la natura stessa delle cose da cambiare. Il mago, cioè, per operare, deve anche essere un profondo conoscitore della natura, dei suoi ritmi e dei suoi segreti. Ma la natura è il prodotto di Dio, e quindi, per essere in armonia con la natura, occorre essere in armonia con Dio e con il divino. Gesù poteva produrre tutti quei miracoli perché era in assoluta armonia con Dio e la natura. Ma miracoli analoghi a quelli di Gesù erano e sono prodotti anche da Yogi indiani, che da secoli sono maestri nell’arte di entrare in comunione con il divino e con la natura (il termine Yoga infatti significa unione, e in particolare unione col divino, quindi lo scopo dello Yoga è proprio quello di elevare lo spirito per entrare in contatto con Dio).

Secondo Israel Regardie, lo scopo del teurgo è «l’acquisizione dell’autoconoscenza e l’unione con il divino» (“L’Albero della Vita”, pagina 99). Eliphas Levi diceva che la magia è «la scienza tradizionale dei segreti della natura». Mentre per Eugène Canseliet è «l’arte divina che consiste nel prendere contatto con l’anima universale». La magia, diceva Crowley, non è un modo di vivere, ma IL modo di vivere. Considerando che l’uomo è fatto a immagine e somiglianza di Dio, e che il principio fondamentale della magia è il famoso principio “come in alto così in basso” di Ermete Trismegisto (che è l’equivalente del “come in cielo così in terra” del Padre Nostro cristiano), l’uomo deve conoscere se stesso per poter essere in armonia con Dio, e conoscere Dio per essere in armonia con se stesso. Aleister Crowley diceva di se stesso che era uno strumento di esseri superiori che controllano il destino umano. «Siamo tutti parti di Dio, non semplicemente timbri che riproducono il suo nome, noi siamo poemi ispirati da Dio, i figli generati dalla sua follia amorosa». E altrove, sempre Crowley, disse: «La Grande Opera significa entrare in unione con l’infinito e liberare la divina scintilla di luce imprigionata nel corpo».

“Amore è l’unica legge, Amore sotto il dominio della Volontà”, era un altro dei motti di Crowley. La stessa cosa che dicono i cristiani, i buddhisti, gli induisti, gli sciamani. La magia – secondo la definizione di Regardie – è quindi una scienza dello spirito, un sistema tecnico di formazione per finalità divine (“L’Albero della Vita”, pagina 133). Il mago quindi è anche un credente, nel senso che crede senz’altro in Dio. Non a caso per entrare in massoneria sono richieste tassativamente tre regole: essere uomo, aver compiuto i 21 anni e credere in un Dio unico. La magia, consistendo nel modificare la realtà, è anche la scienza della volontà. Secondo Dion Fortune, i nostri pensieri non solo ci influenzano, ma formano canali di ingresso e attrazione delle corrispondenti forze nel cosmo. Secondo Regardie, ciò che conta in magia sono il pensiero e la volontà. Gli attrezzi del mago sono solo un rafforzamento di tale volontà. «Tutti i riti, gli interminabili dettagli cerimoniali, le circumambulazioni, gli incantesimi e le suffumicazioni vengono attuate deliberatamente per esaltare l’immaginazione e rafforzare la forza di volontà». Eliphas Levi scrive al proposito: «Se vuoi regnare su te stesso e sugli altri, impara a volere».

Il pensiero corre immediatamente ai numerosi libri e manuali sul potere della volontà, dai libri di Louise Hay a quelli di Wayne Dyer, ma anche ai numerosi manuali sulle tecniche di vendita che si insegnano in ambito aziendale, nonché ai principi base della maggior parte delle correnti psicologiche, da quelle comportamentali estreme del professor Giorgio Nardone, a quelle della psicologia cognitiva (secondo cui cambiando i nostri pensieri possiamo cambiare le nostre emozioni e dunque essere più felici). Una delle cose che si scoprono approfondendo le varie correnti esoteriche è che esse sono tutte molto simili, quasi come strade che, pur diverse, conducono alla stessa meta. I punti fermi di tutte le dottrine esoteriche, da quelle pitagoriche a quelle egizie, a quelle catare, templari e rosacrociane, nonché degli esoterismi orientali, sono i seguenti: l’anima; la dottrina della reincarnazione; la possibilità di operare trasformazioni della realtà mediante la forza di volontà. Cristo, secondo i Rosacroce e la massoneria, è venuto sulla terra per diffondere le dottrine esoteriche alle masse; in sostanza l’esoterismo di Cristo era un esoterismo semplice, alla portata di tutti, e non più riservato ai soli iniziati delle scuole misteriche.

Cristo insomma portava in Occidente quell’esoterismo che in Oriente era molto più diffuso, per spiritualizzare la società occidentale. La lotta tra rosacrocianesimo prima, massoneria poi, e Chiesa cattolica, è dunque uno scontro titanico tra due cristianesimi: quello cattolico di Pietro e Paolo e quello di Giovanni. Il cristianesimo stava dunque portando una ventata di rinnovamento nella società occidentale, e tale ventata è stata impedita da due fattori. Il primo è stato la nascita della Chiesa cattolica; a partire dalla morte di Cristo, Roma, fiutando il pericolo insito nella dottrina cristiana, l’ha fatta diventare religione ufficiale dell’Impero al fine di controllarla, ha stravolto l’interpretazione dei Vangeli e ha costruito una religione da cui ha bandito quasi ogni riferimento esoterico (non a caso Roma contiene già nel suo nome la negazione del messaggio di Cristo; se il messaggio del Cristo è infatti l’amore, amor in latino, Roma è proprio il termine amor letto al contrario). Nei secoli la Chiesa ha poi distrutto tutti gli esoterismi che man mano si trovava nel cammino: l’esoterismo gnostico, quello templare con la distruzione dell’Ordine nel 1314, quello cataro con la crociata contro gli Albigesi, quello boemo, e in generale facendo una guerra aperta a qualsiasi esoterismo (basti pensare alla guerra odierna che viene fatta a discipline come lo Yoga, che alcuni sacerdoti considerano una disciplina satanica).

Atri fattori di distruzione sono stati il materialismo e lo scientismo. I vari rami delle dottrine esoteriche si sono specializzati oltre misura e frammentati in modo da non permettere più la comprensione del tutto. Dall’alchimia è nata la chimica. Dall’astrologia è nata l’astronomia. Dalla numerologia è nata la matematica (a coloro – magari docenti di matematica razionali e amanti del pensiero scientifico – che leggeranno con scetticismo questa affermazione, mi basterà ricordare che Pitagora, il cui teorema tutti abbiamo studiato a scuola, era il fondatore di una delle scuole di pensiero esoterico più note, tanto che ancora oggi i membri di molte società segrete, massoni compresi, vengono definiti anche “pitagorici”; mentre Leonardo da Vinci, considerato uno dei più grandi scienziati di tutti i tempi, era un Rosacroce). Dalle tecniche per modificare la realtà è nata la fisica. La stessa religione nasce dalla scienza esoterica. Qualunque religione organizzata nasce sempre come una branca deviata di una corrente esoterica. L’esoterismo studia tutto ciò che ha a che fare con l’anima e con Dio, religioni comprese; e fa partire dal basso (dalla ricerca di sé) la ricerca dell’unione col divino; la religione invece fa partire dall’alto, imponendo con la forza questa unione, facendo smarrire all’uomo la comprensione di se stesso.

Scrive Kanters che «la magia è autoritaria; la religione, sua sorella, è umile; la religione prega e spera, la magia costringe e riesce». Scrive Edouard Schuré che «la dottrina esoterica non è solo una scienza, una filosofia, una morale, una religione; essa È la scienza, la filosofia, la morale e la religione, di cui tutte le altre non sono che preparazioni e degenerazioni» (“I grandi iniziati”, pagina 17). Dalle tecniche magiche per migliorare se stessi, si sono dipartite le varie scienze psicologiche e sociologiche; basta leggere i libri di Dion Fortune (esoterista inglese che fu membro della Golden Dawn e che da giovane fu psicologa) per vedere che la sociologia e la psicologia non hanno inventato nulla, ma hanno semplicemente studiato e approfondito una parte della scienza esoterica. Tutti i libri di miglioramento personale – dalla legge dell’attrazione, ai libri di Dale Carnegie (che tra l’altro era un massone di alto grado), ai libri di Wayne Dyer – dicono cose che era possibile trovare in scritti magico-esoterici del 1800, del 1500, ma addirittura nei Vangeli, se interpretati correttamente e non alla lettera come pretenderebbero di fare alcuni cattolici.

Ciò che oggi dicono le moderne tecniche psicologiche, lo dicevano già gli scritti magici ed esoterici di Cornelio Agrippa nel 1500, di Papus nell’800 e di Dion Fortune ai primi del 1900. In una biografia di Crowley mi sono imbattuto in una tecnica psicologica abbastanza paradossale utilizzata dal grande mago nero inglese per guarire una persona, che mi ha ricordato le moderne tecniche di Nardone e Watzlawick. E tecniche molto particolari di psicoterapia sono contenute nel libro della maga e psicologa Dion Fortune dal titolo “I segreti del dottor Taverner, dottore dell’occulto”, e nel libro “Psicomagia” di Alejandro Jodorowsky, che mi hanno ricordato in alcuni punti ancora una volta le moderne terapie di Nardone. La differenza è che se dici che hai guarito una persona con la terapia di Nardone sei un genio avanti coi tempi; se dici che hai usato la tecnica di Jodorowsky o Fortune sei pazzo, e se poi ti azzardi a dire che hai preso lo spunto da Crowley dicono che sei satanista.

Gli psicodrammi familiari che vengono utilizzati in alcune moderne tecniche di psicoterapia, poi, sono identici agli psicodrammi che Osho faceva attuare nella sua comune (e che presumo si attuino ancora oggi). Se però lo psicodramma lo hai fatto nell’ashram di Osho sei un arancione fuori di testa; se lo hai fatto in un moderno centro di terapia scucendo centinaia o migliaia di euro sei uno “avanti”. In entrambi i casi, poi, se fai notare a chi effettua queste pratiche che hanno semplicemente messo in atto un rito, con degli effetti magici, l’interlocutore non capisce proprio cosa tu stia dicendo, non avendo la gente il minimo concetto del significato dei riti e dei ruoli che il rito riveste per la psiche e per il comportamento umano. Nel campo della psicologia fu Carl Gustav Jung (il cui padre era sicuramente massone, mentre lui era un Rosacroce) che cercò di riportare la psicologia alle sue origini, studiando i rapporti tra psicologia, alchimia ed esoterismo; fu questo il motivo per cui ruppe con Freud, che lui considerava un mistificatore e un ingannatore. Sigmund Freud infatti era un massone appartenente alla potente organizzazione massonica del “B’nai B’rith”, la massoneria ebraica, ed era consapevole del danno che faceva alla parte spirituale dell’uomo con la diffusione della sue teorie e il suo pansessualismo di stampo dionisiaco. Jung (che tra l’altro non solo praticava la magia, ma faceva viaggi astrali e comunicava con entità disincarnate) riteneva, giustamente, che le teorie di Freud avrebbero potuto danneggiare la società e combatté, per quello che poté, questa possibilità.

Le differenze tra Jung e Freud non erano, come si crede comunemente, differenze di metodo e di teorie; erano differenze di scuole massoniche e indirizzi esoterici: il “B’nai B’rith”, la massoneria che vuole condurre al Nwo assoggettando i popoli per portarli all’oscurità, e i Rosacroce bianchi, che di quei popoli volevano l’illuminazione. Ma gli junghiani successivi, da James Hillman in poi, hanno provveduto a distruggere il lavoro di Jung, troppo pericoloso per la società di allora e di oggi, sì che oggi molti psicanalisti che si definiscono junghiani non sanno nulla di alchimia, magia ed esoterismo, pur essendo la scienza alchemica alla base di molti scritti di Jung. Mentre gli junghiani attuali si guardano bene dall’approfondire il rapporto tra psicologia, alchimia e magia. In particolare, la psicologia tende alla normalizzazione dell’individuo (considerato normale quando rientra nella società e trova un lavoro e una famiglia; cioè considerato normale quando si adegua a una società malata, il che è una contraddizione in termini) senza però offrire risposte spirituali, cioè senza offrire le risposte più importanti ai malesseri esistenziali dell’individuo.

Scrive la psicanalista Dion Fortune nel suo libro “Magia applicata” che «aiutare un paziente ad adattarsi meglio alla società non significa necessariamente curarlo ma trasmettergli le nevrosi della società stessa». Quanto alla sociologia, scienza che si presupporrebbe “moderna”, in realtà non fa altro che riprendere alcuni studi che erano propri già delle scienze esoteriche, sul potere di influenzare le masse. Il mago quindi, perlomeno se illuminato, dovrebbe essere sia psicologo che sociologo, perché sa penetrare profondamente nell’anima umana e guarisce (se stesso o gli altri) con degli interventi all’anima. Purtroppo, la specializzazione della psicologia e della sociologia, che hanno separato la parte spirituale da quella materiale, ha reso il lavoro dello psicologo molto poco efficace giungendo addirittura ad affermare che il “pensiero magico” è un sintomo di delirio e schizofrenia. E se un paziente dice che fa viaggi astrali, e parla con entità disincarnate (come faceva Jung), lo psichiatra gli fa un Tso.



(Paolo Franceschetti, estratto da “La magia. Cos’è, perché funziona, e per quale motivo i politici la usano in segreto”, dal Blog di Franceschetti).

da http://www.libreidee.org

Fonte: http://laveritadininconaco.altervista.org/il-potere-usa-la-magia-e-a-noi-fa-credere-che-non-esista-superstizione-dicono/

domenica 14 gennaio 2018

PARLIAMO DI SALUTE E DI IONI NEGATIVI

Gli ioni negativi sono naturalmente presenti nell’aria e nell’acqua e svolgono una funzionepurificante e vitalizzante negli ambienti. Tuttavia spesso nelle nostre case questi ioni sono sempre di meno causando diversi problemi di salute, stanchezza, asma, allergie, insonnia e indebolimento delle prestazioni mentali.


Secondo il dottor Takada Maku, quando ioni negativi vengono introdotti per l’aria, il sangue viene purificato per aumentare l’alcalinità del sangue, lo stress diminuisce ed aumenta l’energia.


In un precedente articolo Come gli ioni negativi decidono la nostra salute, umore e vitalità ho spiegato nei dettagli l’importanza degli ioni negativi per la nostra vita, i loro benefici e quali siano le concentrazioni nei vari ambienti.

PERCHE’ NELLE NOSTRE CASE CI SONO POCHI IONI NEGATIVI

Ci sono strumenti che possono misurare la concentrazione di ioni negativi e quasi sempre emerge che negli appartamenti, soprattutto di città, il valore è molto basso e questo nel tempo crea un progressivo indebolimento del corpo. Questo perché vengono prodotti ioni positivi nell’aria che si legano a quelli negativi diminuendone la concentrazione. Ecco perché ci sono più ioni positivi che negativi nelle nostre case:

Nelle città l’aria esterna ha ioni leggermente più positivi rispetto a ioni negativi, a causa dello smog e della mancanza di piante. Quindi anche aprendo la finestra la situazione non migliora molto;
Gli elettrodomestici generano ioni positivi attraverso i loro campi magnetici;
I cellulari, telefoni cordless e wifi generano ioni positivi;
Tappeti e tessuti sintetici creano un campo statico che produce ioni positivi;
Fumo di sigaretta, profumi sintetici, panni lasciati ad asciugare in casa (lavati con i comuni ammorbidenti chimici) riducono la concentrazione di ioni negativi;
Assenza di piante nell’appartamento.


Se abiti vicino al mare, in montagna, un ruscello o cascata, in campagna circondato da alberi allora è molto probabile che la tua concentrazione di ioni negativi sia alta, ma seguendo i consigli seguenti puoi aumentarla ancora di più.


COME AUMENTARE GLI IONI NEGATIVI IN CASA E UFFICIO


Per chi lavora avere una fonte di ioni negativi è fondamentale per delle ottime prestazioni mentali. Come ho spiegato è stato dimostrato che gli studenti hanno maggiori performance cognitive grazie all’aumentato flusso sanguigno nel cervello ed abbassamento dello stress indotto da un ambiente ricco di ioni negativi. Inoltre tutte le situazioni di salute migliorano grazie agli ioni negativi. Ecco come aumentare gli ioni negativi:


Ecco come aumentare gli ioni negativi in casa

Gli ioni negativi sono naturalmente presenti nell’aria e nell’acqua e svolgono una funzionepurificante e vitalizzante negli ambienti. Tuttavia spesso nelle nostre case questi ioni sono sempre di meno causando diversi problemi di salute, stanchezza, asma, allergie, insonnia e indebolimento delle prestazioni mentali.


Secondo il dottor Takada Maku, quando ioni negativi vengono introdotti per l’aria, il sangue viene purificato per aumentare l’alcalinità del sangue, lo stress diminuisce ed aumenta l’energia.


In un precedente articolo Come gli ioni negativi decidono la nostra salute, umore e vitalità ho spiegato nei dettagli l’importanza degli ioni negativi per la nostra vita, i loro benefici e quali siano le concentrazioni nei vari ambienti.


PERCHE’ NELLE NOSTRE CASE CI SONO POCHI IONI NEGATIVI


Ci sono strumenti che possono misurare la concentrazione di ioni negativi e quasi sempre emerge che negli appartamenti, soprattutto di città, il valore è molto basso e questo nel tempo crea un progressivo indebolimento del corpo. Questo perché vengono prodotti ioni positivi nell’aria che si legano a quelli negativi diminuendone la concentrazione. Ecco perché ci sono più ioni positivi che negativi nelle nostre case:

Nelle città l’aria esterna ha ioni leggermente più positivi rispetto a ioni negativi, a causa dello smog e della mancanza di piante. Quindi anche aprendo la finestra la situazione non migliora molto;
Gli elettrodomestici generano ioni positivi attraverso i loro campi magnetici;
I cellulari, telefoni cordless e wifi generano ioni positivi;
Tappeti e tessuti sintetici creano un campo statico che produce ioni positivi;
Fumo di sigaretta, profumi sintetici, panni lasciati ad asciugare in casa (lavati con i comuni ammorbidenti chimici) riducono la concentrazione di ioni negativi;
Assenza di piante nell’appartamento.


Se abiti vicino al mare, in montagna, un ruscello o cascata, in campagna circondato da alberi allora è molto probabile che la tua concentrazione di ioni negativi sia alta, ma seguendo i consigli seguenti puoi aumentarla ancora di più.


COME AUMENTARE GLI IONI NEGATIVI IN CASA E UFFICIO


Per chi lavora avere una fonte di ioni negativi è fondamentale per delle ottime prestazioni mentali. Come ho spiegato è stato dimostrato che gli studenti hanno maggiori performance cognitive grazie all’aumentato flusso sanguigno nel cervello ed abbassamento dello stress indotto da un ambiente ricco di ioni negativi. Inoltre tutte le situazioni di salute migliorano grazie agli ioni negativi. Ecco come aumentare gli ioni negativi:

Acquista uno ionizzatore, ovvero un generatore di ioni negativi, è il metodo più veloce ed efficace per avere un flusso costante di ioni carichi negativamente;
Rimuovi tessuti sintetici dall’appartamento, soprattutto tende e tappeti devono essere di materiale naturale altrimenti creano un campo statico che distrugge gli ioni negativi;
Metti una fontana di acqua, infatti è l’acqua in movimento che genera maggiormente ioni negativi. Questo è un consiglio molto usato nel Fen Shui e se messa al posto giusto può aumentare la ricchezza come spiegato in Riordina la tua Casa per attirare Ricchezza, Amore, Salute.
Usa le lampade di Sale dell’Himalaya. Il sale scaldato e attraversato dalla luce della lampadina produce ioni negativi che si diffondono per tutta la casa ed ha anche un benefico effetto di cromoterapia.
Circondati di piante. Le piante producono una certa quantità di ioni negativi, ma ne esiste una in particolare che ne produce più delle altre, si chiama Adianto.
Accendere candele di cera d’api. La cera rilascia ioni negativi nell’ambiente quando viene bruciata.
Ametista e Tormalina sono dei cristalli che sembrano emettere ioni negativi e purificare l’ambiente. La tormalina è ottima da indossare grazie alle sue proprietà piezoelettriche che ricaricano il corpo di energia.


Seguendo questi consigli sentirai una notevole sprintadi energia, e molte tensioni e stress si rilasceranno.

Fonte:https://www.dionidream.com/come-aumentare-ioni-negativi/

PE LA MAIELL !

PE LA MAIELL !
LA MIA MAIELLA : REGINA MAESTOSA DELLA MIA TERRA !!! URLA STOP scie chimiche!!! Vasto (CH) Abruzzo Italia Europa Mondo 14 gennaio 2014 ore 15.00