Quello che più mi preme in questo momento storico
è opporre RESISTENZA a questa cultura mediatica e capitalistica a cui ci vogliono assuefare!
LEGALIZZIAMO LA LIBERTA'!!! CIELI LIBERI! TERRA LIBERA! MARE LIBERO! COSI SIA!! COSI' E'!
#ORA UP! QUESTA E' UNA CHIARA SPERANZA!

QUESTO BLOG VUOLE ESSERE UN ATTO DI RESISTENZA ARTISTICA A QUESTA GUERRA SILENZIOSA FATTA DI INFORMAZIONI FAKE CHE CREANO REALTA' FAKE

LA VERITA' PRIMA DI OGNI ALTRA COSA IN QUESTO REGNO

"L'essere umano è un sistema di informazione e di conseguenza può essere guarito attraverso informazioni"
Erich Körbler

lunedì 22 febbraio 2016

L’AQUILA. Un ordine del giorno per chiedere al governo di fare chiarezza sul fenomeno delle cosiddette “scie chimiche”, e soprattutto di informare i cittadini delle possibili conseguenze sulla salute


L’AQUILA. Un ordine del giorno per chiedere al governo di fare chiarezza sul fenomeno delle cosiddette “scie chimiche”, e soprattutto di informare i cittadini delle possibili conseguenze sulla salute pubblica. È quello presentato ieri dal capogruppo di Centro democratico Ermanno Giorgi, e che sarà discusso nel corso della prossima seduta del consiglio comunale, il 25 febbraio. Il documento è stato sottoscritto anche da Stefano Palumbo (Pd), Marco Cimoroni (Api), Guido Quintino Liris (Fi), Emanuele Imprudente (Noi con Salvini) e altri. Quello delle scie è un fenomeno diffusissimo a livello mondiale, e i cieli dell’Aquilano certamente non fanno eccezione. «È la prima volta», afferma Giorgi, «che da un’istituzione pubblica arriva un’esortazione di questo genere al governo. Non si capisce perché di questo fenomeno si parli soprattutto sul web e mai nelle aule istituzionali. Vogliamo che il governo dica la verità perché i cittadini hanno il diritto di sapere. È particolarmente importante che a stimolare questo dibattito sia la città dell’Aquila, il capoluogo della Regione verde d’Europa. Tutti coloro che affermano che le scie siano da ricondurre a fenomeni di condensazione dicono una sciocchezza, che può essere confutata facilmente sul piano scientifico. Se fosse così, il fenomeno dovrebbe verificarsi in un clima freddo ad almeno
8000 metri di altitudine, mentre gli aerei che lasciano le scie si incrociano ad altezze molto più limitate. Non si capisce, inoltre, quale sia la provenienza di questi mezzi, che immaginiamo si possa tuttavia ricondurre ad aeroporti militari». (a.b.)

fonte http://ilcentro.gelocal.it

Nessun commento:

Posta un commento

PE LA MAIELL !

PE LA MAIELL !
LA MIA MAIELLA : REGINA MAESTOSA DELLA MIA TERRA !!! URLA STOP scie chimiche!!! Vasto (CH) Abruzzo Italia Europa Mondo 14 gennaio 2014 ore 15.00